web_page_img_progetti_dettaglio_121.jpg
progetti_img_57.jpg

HF02

Imbarcazione a sostentamento alare per il trasporto passeggeri

Scopo del progetto HF02 è lo studio e la realizzazione di una imbarcazione innovativa a sostentamento alare che presenterà caratteristiche che la renderanno efficace per il trasporto passeggeri, sia su tratte piccole che di media-lunga distanza, facendola preferire ad altri mezzi di trasporto veloce quali i monocarena e i pluriscafi.
Tale tipologia di mezzi (aliscafi), consentono, rispetto ad altre imbarcazioni veloci:
- velocità superiori
- maggiore confort dei passeggeri
- minore consumo di combustibile per passeggero e miglio percorso.

L’innovazione che si vuole ottenere riguarda lo studio delle ali, attraverso la definizione di innovativi profili delle sezioni e strutture trasversali ad alta efficienza idrodinamica e attraverso l’analisi di nuovi materiali che ne consentano la realizzazione il più possibile automatizzata con conseguente riduzione dei costi di fabbricazione.
Saranno condotti studi sullo scafo sia per quanto concerne i materiali e le relative tecnologie di costruzione, che l’architettura dello stesso anche al fine di contribuire all’azione di sostentamento nelle critiche fasi di passaggio dalla condizione dislocante a quella planante. I materiali analizzati consentiranno l’impiego di collegamenti saldati dei componenti strutturali e del fasciame rispetto all’attuale sistema di chiodatura.
Altro aspetto dell’innovazione va nella direzione della riduzione dei costi di esercizio costituiti principalmente dal costo del combustibile e della manutenzione. Lo studio di un sistema diagnostico consentirà di individuare, dall’andamento dei parametri di combustione, i componenti che presentano malfunzionamenti, in modo da intervenire tempestivamente mediante sostituzione o taratura. Per quanto riguarda la riduzione dei costi di manutenzione la disponibilità sul server di bordo di dati riguardanti lo stato di degrado dei componenti, consentirà una migliore politica di gestione dei mezzi.
Un’ulteriore innovazione che si vuole apportare riguarda la riduzione dell’impatto ambientale. In parte essa deriva dalle considerazioni precedenti riguardanti la riduzione dei consumi e l’ottimizzazione della manutenzione, ma un ulteriore specifico aspetto che si intende sviluppare consiste nello studio di sistemi che riducano drasticamente gli inquinanti dei gas di scarico. Un ulteriore aspetto ecologico del nuovo mezzo sarà costituito dall’impiego di pannelli fotovoltaici sulla superficie del ponte per la produzione di energia elettrica da utilizzare nei servizi di bordo. Per migliorare il confort di bordo si pensa di ridurre il rumore e le vibrazioni in cabina, attraverso lo studio della sala macchine e del sistema di trasmissione del moto all’elica.

Costi Progetto

Totale: € 7.326.351

Ricerca: € 4.442.931
Sviluppo: € 2.103.620
Formazione: € 779.800


Partner

Università di Messina
Università di Palermo
Ustica Lines
CNR ITAE

Sito